Quando si consulta un medico, vorresti la certezza che sappia di cosa sta parlando. Ci aspettiamo che i medici siano in grado di dare consigli su come meglio prevenire le malattie, porre rimedio a dolore o malattie quando necessario, come rimanere sani e in forma. Vogliamo che abbiano molta esperienza sul campo, ma devono anche aver ricevuto una formazione adeguata. Quanti di noi andrebbero da un dottore che non abbia mai frequentato una scuola di medicina, che non avesse mai studiato libri e non fosse aggiornato con i progressi della ricerca? Quanto sarebbe preparata quella persona ad aiutare con successo gli altri? Lo stesso vale per noi come cristiani. Possiamo avere tutte le "esperienze sul campo" immaginabili, ma se non abbiamo studiato il Libro - se non ci affidiamo al manuale autorevole - non avremo successo nel vivere ‘la vita abbondante’. Puoi esporre la filosofia ragionevole e i pensieri nobili su Dio tutto il giorno, ma se non sei radicato nella Sua Parola, le tue parole non sono affidabili. Non c'è altro modo: la nostra vita cristiana deve essere costruita sul fondamento della Parola di Dio. Ci sono due applicazioni nella Scrittura dal titolo "la Parola di Dio". Una è la Bibbia stessa (la parola scritta da Dio), e l'altra è   Gesù Cristo (cioè, la parola personale di Dio). Tutti e due sono chiamate la Parola di Dio. Se vogliamo rapportarci correttamente con Gesù, dobbiamo rapportarci giustamente con la Bibbia. Quindi procediamo a scoprire sia l'autorità che il potere della Parola di Dio.

Di chi è la parola? La parola “autorità” deriva dalla parola “autore”. L'autorità di qualsiasi lavoro è l'autorità dell'autore. È l'autore che dà autorità a qualunque cosa produca. Per ciò è importante conoscere l’identità dell’autore della Bibbia.

“Tutta la Scrittura è ispirata da Dio ed è utile a insegnare, a riprendere, a correggere, ad educare alla giustizia, affinché l'uomo di Dio sia completo e ben preparato per ogni opera buona” (2 Timoteo 3:16-17).

Se vuoi essere completo e pienamente equipaggiato per ogni buona opera, la fonte di tutto questo è la Scrittura. Paolo dice anche: "Tutta la Scrittura è ispirata da Dio". La parola greca per "ispirazione di Dio" è definita come "respirata da Dio". La parola "respiro" e la parola "spirito" sono identiche. Paolo sta dicendo: "Tutta la Scrittura è infusa dallo Spirito di Dio". L'autorità dietro tutte le Scritture è l'autorità dello Spirito Santo. Alla fine è Lui l'autore. Ha usato molti strumenti diversi, ma l'autorità dello Spirito Santo - che è Dio stesso - ha guidato ciascuno di loro. Quando attingiamo alla Scrittura, stiamo attingendo all'autorità di Dio stesso. Paolo nota anche che tutte le Scritture sono ispirate, non solo alcune. Non tocca a noi separare i passaggi che consideriamo preziosi, dagli altri. Lo stesso Spirito Santo ha dichiarato che tutta la Scrittura è ispirata da Dio e che tutte le Scritture sono redditizie. Non ci sono parti che puoi escludere o ritenere poco importanti. Non concentriamoci solo su alcuni passaggi noti della Scrittura e pensiamo che siano tutto ciò che conta. Se vuoi essere equipaggiato e rimanere equipaggiato, devi fare affidamento sull'intera Scrittura. Scoprirai che diventi sempre più forte mentre mediti, studi e applichi la Parola di Dio. Gesù ha detto che dobbiamo ascoltare e mettere in pratica la Parola di Dio; non solo ascoltare ma ascoltare e mettere in pratica. Potresti dire: "Ma gli uomini che hanno scritto la Bibbia sono stati in molti casi molto deboli e fallibili. E la Bibbia registra anche molti dei loro peccati." Avresti ragione. Credo che sia un segno dell'accuratezza della Bibbia - che registra i peccati delle persone che l’hanno scritta. Oggi molte persone ometterebbero i loro peccati e tenterebbero di presentarsi come infallibili. Gli scrittori della Bibbia no. Persino Davide, che ha scritto la maggior parte dei salmi, ha registrato i suoi peccati gravi per essere letti da tutti. Quindi, come può la Bibbia essere infallibile se le persone che l'hanno scritta sono fallibili? C'è una bella risposta data a questa domanda in un verso semplice:

“Le parole del Signore sono parole pure, sono come argento raffinato in un crogiuolo di terra, purificato sette volte” (Salmi 12:6).

Ecco un’immagine di come le persone purificano il metallo. Costruiscono una fornace di argilla, accendono un fuoco in essa e mettono in essa i materiali da purificare. Quindi abbiamo tre cose in questa immagine: la fornace di argilla, che è lo strumento umano, solo argilla; il fuoco, che è lo Spirito Santo, che purifica l’argento, che è il messaggio. Questo ci dice come uomini e donne fallibili possono essere canali per produrre la Parola di Dio ispirata e autorevole. L’argilla è il vaso umano, il fuoco è lo Spirito Santo, e l’argento-purificato sette volte, assolutamente puro- è il messaggio di Dio.La Bibbia, anche se esce attraverso vasi di argilla-uomini e donne deboli, fallibili e peccatori- è stata purificata sette volte dal fuoco dello Spirito Santo. E’ totalmente affidabile.

Gesù e la Parola

Dobbiamo considerare l’attitudine dello stesso Gesù riguardo alla Bibbia, perché per noi che siamo suoi discepoli, Lui è il modello. Come si relazionava alla Bibbia? Diamo un’occhiata alla sua risposta in una discussione con i leader giudaici.

“Se essa chiama “dei” coloro a cui fu rivolta la Parolo di Dio ( e la Scrittura non può essere annullata)....”Giovanni 10:35 NKJ

Qui Gesù da alla Bibbia due titoli che i suoi seguaci hanno usato da allora in poi: la Parola di Dio e la Scrittura. Quando Egli usa “ la parola di Dio”, significa che procede da Dio. Non procede dagli uomini; arriva dal cielo, da Dio. E quando dice “ la Scrittura” intende ciò che è stato registrato negli scritti. Dio ha detto molte cose che non sono registrate negli scritti, ma quelle che sono state scritte nella Bibbia sono lì per il nostro beneficio. Esse contengono tutto quello che abbiamo bisogno di sapere per la nostra salvezza. L’attitudine di Gesù può essere riassunta in questa frase, “ La Scrittura non può essere annullata.” Niente può esprimere più completamente l’autorità della Scrittura di questa semplice frase. Guardiamo ora a come Gesù usava le scritture. Lui è il nostro modello. Guarderemo a cosa accadde quando Gesù era nel deserto ed era tentato da satana. La fine di Matteo 3 registra il battesimo di Gesù nel Giordano:

Gesù, appena fu battezzato, salì fuori dall'acqua; ed ecco i cieli si aprirono ed egli vide lo Spirito di Dio scendere come una colomba e venire su di lui. Ed ecco una voce dai cieli che disse: "Questo è il mio diletto Figlio, nel quale mi sono compiaciuto" (Matthew 3:16–17).

Tu e io potremmo pensare che dopo questo Gesù avrebbe avuto tempi facili. Aveva il sostegno sia del Padre che dello Spirito, insieme a quello del profeta Giovanni il Battista. Ma non era così. Dopo questo incontro sereno e potente, Gesù si trovò nel deserto a digiunare per quaranta giorni e fu tentato da Satana. Per favore, non immaginare che la benedizione di Dio ti renderà sempre la vita facile. In effetti, in un certo senso, può rendere la vita più difficile, perché Satana si oppone molto più fortemente a coloro che Dio ha consacrato. Luca dice che Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto (Luca 4:1), ma dopo quaranta giorni, Egli uscì nel potere dello Spirito Santo (v. 14). Nota la distinzione. Una cosa è essere guidati dallo Spirito; un'altra cosa è muoversi ed operare nel potere dello Spirito. Gesù non ha operato nel secondo modo fino a quando non ha avuto il suo conflitto con Satana e ha vinto. In un modo o nell'altro, ognuno di noi dovrà percorrere la stessa strada. Dovremo superare la tentazione e l'opposizione di satana per poter operare nel potere dello Spirito Santo. Quando Satana venne da Gesù in Matteo 4, la prima cosa con la quale lo tentò era di dubitare. Questo è quasi sempre l'approccio iniziale di Satana. Non negherà immediatamente la Parola di Dio; la metterà in dubbio o ti farà dubitare. Notate la prima cosa che Satana disse a Gesù:

E il tentatore, avvicinatosi, gli disse: "Se tu sei Figlio di Dio, ordina che queste pietre diventino pani" (Matteo 4:3)

Ricorda, Dio aveva appena parlato dal cielo, dicendo: "Questo è il mio amato Figlio". Ma Satana stava sfidando Gesù a dubitare di ciò che aveva udito da Dio. "Se tu sei Figlio di Dio, allora fai qualcosa per provarlo. Ordina che queste pietre diventino pani."

“Ma egli rispose: "Sta scritto: "Non di pane soltanto vivrà l'uomo, ma di ogni parola che proviene dalla bocca di Dio"" (Matteo 4:4).

Questo è molto importante. Gesù ha affrontato la tentazione combattendola con la Parola di Dio scritta. "È scritto." Non pensare che sei abbastanza intelligente per discutere con il diavolo; lui è molto più intelligente di te. Lavora in questo ambiente da molto, molto tempo. Non cercare di convincerlo con i tuoi argomenti. Invece, incontralo con la Scrittura. Ogni volta che Gesù veniva tentato, rispondeva con: "È scritto". E ogni volta che Gesù diceva ciò, Satana cambiava argomento. Sapeva di non avere alcuna risposta alla Scrittura. Non essere tentato nel cercare di sconfiggere Satana con il tuo ingegno. Rispondigli semplicemente con la Parola di Dio scritta. La Scrittura è autorevole. Accettala. Vivi attraverso di essa.

Rispondi al diavolo con essa. Non può rispondere alla Parola di Dio scritta. In Efesini 6:17 Paolo dice: "E prendi. . . la spada dello Spirito, che è la parola di Dio." Ci sono due parole in greco per "parola": uno è 'logos', l'altro è 'rhema'. Logos è il consiglio eterno totale di Dio. Rhema è una parola parlata di Dio. Questa è la parola usata in Efesini 6:17: prendendo "la spada dello Spirito, che è ( rhema cioè ‘detta’, ‘pronunciata’) la Parola di Dio". Quando incontri Satana, devi incontrarlo pronunciando la Parola di Dio. La Bibbia non ti proteggerà se si trova solo nella tua libreria, o sul tuo comodino in camera. Funziona solo quando la citate. Devi prenderla in bocca e pronunciarla per te stesso. A quel punto diventa una spada affilata da cui il diavolo si allontana. Non ha nessuna risposta contro essa. Diamo un'occhiata a ciò che Gesù disse sull'autorità della parola scritta di Dio, parlando di ciò che noi ora chiamiamo l’Antico Testamento:

"Non pensate che io sia venuto per abolire la legge o i profeti; io sono venuto non per abolire ma per portare a compimento. Poiché in verità vi dico: finché non siano passati il cielo e la terra, neppure un iota o un apice della legge passerà senza che tutto sia adempiuto" (Matteo 5:17-18).NKJ

La parola "jot", in ebraico moderno, è yod, la più piccola lettera dell'alfabeto. "Tittle" (keraia) è una piccola curva posta su una lettera per distinguerla da una lettera simile. Questi sono i due più piccoli elementi in testo ebraico scritto, e Gesù ha detto che nessuno di loro passerà mai. A quel punto non stava parlando della Parola di Dio parlata, perché le parole "jot" e "tittle" si applicano solo a ciò che è scritto. Quindi, Gesù ha assolutamente appoggiato la totale autorità della Parola di Dio scritta. Un pò più avanti, molto vicino alla fine del Suo ministero, Gesù stava trattando con i Sadducei che erano i liberali di quei giorni, le persone che non accettavano l'autorità di tutte le Scritture. Di fatto, accettavano solo l'autorità dei primi cinque libri, il Pentateuco. Stavano sfidando l'insegnamento che ci sarà una risurrezione dei morti, e vennero da Gesù con una domanda intelligente, ma è così che Gesù ha risposto loro:

Quanto poi alla risurrezione dei morti, non avete letto quello che vi è stato detto da Dio: "Io sono il Dio d'Abraamo, il Dio d'Isacco e il Dio di Giacobbe"? Egli non è il Dio dei morti, ma dei vivi" (Matteo 22:31-32).NKJ

Notate come Gesù ha applicato quella Scrittura. Queste parole furono scritte da Mosè quattordici secoli prima. In realtà erano parole pronunciate dal Signore direttamente a Mosè. Ma Gesù non parlò di loro come qualcosa che fu detto a Mosè quattordici secoli fa. Disse: "Non hai letto ciò che ti è stato detto da Dio?" La Scrittura non scade mai. Non è mai solo la storia dell'intelligenza umana. È ispirata da Dio. E anche se fosse stata scritta tremila anni fa, è ancora Dio che ti parla oggi. Questa è l'autorità della Scrittura come Gesù l'ha capita.

Autorità del Nuovo Testamento

L'autorità dietro il Nuovo Testamento è la stessa che è dietro l'Antico Testamento. Diamo un'occhiata a Gesù con i suoi discepoli. Li sta preparando al fatto che sta per andare via.

“Vi ho detto queste cose, stando ancora con voi; ma il Consolatore, lo Spirito Santo, che il Padre manderà nel mio nome, vi insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto quello che vi ho detto” (Giovanni 14:25-26).

L'autorità dietro gli scritti degli apostoli è l'autorità dello Spirito Santo. E Gesù disse che avrebbe fatto due cose: "Qualunque cosa non ti abbia insegnato io, egli te la insegnerà; e qualunque cosa abbia detto che voi possiate aver dimenticato, egli la riporterà alla vostra memoria." Così, lo scrivere dei vangeli non dipende dalla memoria umana; dipende dalla verità dello Spirito Santo. Per inciso, lasciatemi sottolineare che Gesù infrange le leggi della grammatica per sottolineare che lo Spirito Santo non è un "esso" ma un "Lui". Secondo la grammatica greca, avrebbe dovuto usare la preposizione, ma non lo fece; ha detto 'lui'. È vitale che tu capisca che lo Spirito Santo non è solo un enigma, è un Lui, una persona, e devi relazionarti a Lui come persona. In Giovanni 16, Gesù rivela un'altra caratteristica molto importante dello Spirito Santo:

"...quando però sarà venuto lui, lo Spirito della verità, egli vi guiderà in tutta la verità, perché non parlerà di suo, ma dirà tutto quello che avrà udito, e vi annuncerà le cose a venire. Egli mi glorificherà, perchè prenderà da ciò che è mio e lo dichiarerà a voi" (Giovanni 16:14)NKJ

Lo Spirito Santo glorifica sempre Gesù. Se ti trovi di fronte a manifestazioni spirituali che non glorificano Gesù ma danno gloria a un uomo o in qualche altra direzione, puoi essere certo che non è lo Spirito Santo. Il supremo ministero dello Spirito Santo è di rivelare e di glorificare Gesù. La Bibbia dice che dobbiamo testare gli spiriti e puoi testare se una cosa proviene dallo Spirito Santo se glorifica Gesù. Se non lo fa, può sembrare molto buono o spirituale, può essere pronunciato con una voce forte e risonante, ma non è dallo Spirito Santo, perché non glorificherà nessuno se non Gesù. Ne sono molto consapevole anch'io. Esamino continuamente me stesso chiedendo: "Sto dando la gloria a Gesù, o sto cercando di persuadere la gente che Derek Prince è qualcuno di importante?" Derek Prince è solo un peccatore salvato dalla grazia di Dio. Nella mia prossima Lettera di Insegnamento esploreremo di più sulla natura della Parola di Dio. Ti aiuterò a scoprire il suo straordinario potere e gli effetti che può avere sulla tua vita.

Derek Prince

Adattato da "Il potere e l'autorità della Parola di Dio" (#4161).

È consentita la riproduzione di DPM Teaching Letters – e la loro traduzione da Sally Davis e Roberta Maffioli - per la distribuzione gratuita. Per accedere alla mailing list di Derek Prince, visitare www.derekprince.org.


Wir nutzen Cookies auf unserer Website. Einige von ihnen sind essenziell für den Betrieb der Seite, während andere uns helfen, diese Website und die Nutzererfahrung zu verbessern (Tracking Cookies). Sie können selbst entscheiden, ob Sie die Cookies zulassen möchten. Bitte beachten Sie, dass bei einer Ablehnung womöglich nicht mehr alle Funktionalitäten der Seite zur Verfügung stehen.